Titolo: Lanark – Una vita in quattro libri
Autore: Alasdair Gray
Traduzione: Enrico Terrinoni
Genere: Narrativa
Pagine: 165
Prezzo: 16,00 €
Isbn978-88-97561-35-4
Uscita: 25 agosto 2016
Volume secondo
Print

gray


Dalla prefazione al primo volume di Jeff VanderMeer 
«Nella terribile devastazione dello scenario di Unthank che ci offre Alasdair Gray, bocche giganti calano dal cielo per divorare il protagonista, Lanark, e un vento freddo si alza “insieme all’odore salato di alghe putrescenti, e poi uno caldo di carne arrostita”. Lanark ne viene inghiottito, e lo stesso accade al lettore».

Descrizione
Lanark – Una vita in quattro libri racconta i destini di due città che corteggiano il dissolvimento, Unthank e Glasgow, mentre fluttuano incerte sul limitare del passato e del futuro. Lungo le loro strade tortuose verranno dipanati gli intricati fili che uniscono le vite di Lanark e di Duncan Thaw i quali, nell’attraversare un vasto e labirintico universo simbolico, ci conducono nei sentieri battuti dell’uomo contemporaneo, tanto pericolosi quanto seducenti, tanto impensabili quanto reali.
Pubblicato per la prima volta in lingua inglese nel 1981, Lanark ha immediatamente collocato Gray nell’empireo dei più importanti autori britannici ed è stato comparato, tra gli altri, a Dante, Blake, Joyce, Orwell, Kafka, Huxley e Lewis Carroll.

Nel secondo volume di Lanark viene narrata la giovinezza di Duncan Thaw, che cresce perdendosi e ritrovandosi nelle strade di Glasgow sotto un cielo tanto luminoso da accecare, talvolta così cupo da soggiogare.


Alasdair Gray (Glasgow, 28 dicembre 1934) è un eclettico scrittore, artista, poeta e drammaturgo scozzese. Personalità poliedrica del panorama artistico europeo, nelle sue opere fonde elementi provenienti dai più diversi generi letterari, in cui il realismo si unisce all’elemento fantastico, la satira sociale al dramma, e lo humour è sempre al servizio della verità della narrazione. L’opera più nota è il suo primo romanzo Lanark – Una vita in quattro libri. Scritto in un periodo di quasi trent’anni e oramai considerato un classico della letteratura, è stato definito dal New York Times Book Review «La Divina Commedia del cripto-calvinismo anglosassone». Il suo romanzo Poveracci! ha vinto il Whitbread Novel Award e il Guardian Fiction Prize.


Enrico Terrinoni è professore associato di letteratura inglese all’Università per Stranieri di Perugia. Ha tenuto lezioni e conferenze in più di 20 università italiane ed europee. Si occupa di letterature di lingua inglese, e di teoria e pratica della traduzione. Collabora con Il Manifesto; suoi contributi sono usciti anche sul Corriere della Sera e Il Sole 24 ore. Ha pubblicato diversi libri, saggi e recensioni, oltre a numerose traduzioni dall’inglese di contemporanei e classici (Francis Bacon, Nathaniel Hawthorne). In particolare ha lavorato su James Joyce e l’Ulisse, opera della quale ha realizzato una nuova e premiata traduzione per Newton Compton. Sta lavorando a una nuova edizione annotata di Spoon River Anthology di Masters e alla traduzione italiana di Finnegans Wake.


«Uno dei pilastri della narrativa del XX secolo»
The Guardian

«Non c’è riassunto che possa fare giustizia a quello che Gray è riuscito a fare in Lanark».
BBC UK

«Alasdair Gray è una specie rara nella letteratura anglosassone, un autentico sperimentalista, che ha trasgredito a ogni normale tradizione della prosa, in un delirio conturbante».
David Lodge

«Uno dei romanzi più innovativi e trasgressivi della letteratura scozzese contemporanea».
Il Sole 24 Ore

«Finalmente approda in Italia Lanark, una vita in quattro libri, per Safarà Editore, in un’edizione elegante e originale».
Il Manifesto

«Il mio consiglio è di non perdere l’occasione e sostenere questa storica iniziativa culturale, un tassello per la fondazione di un’identità europea in divenire e un’esperienza letteraria indimenticabile».
Ultimavoce.it

«L’unico difetto di questo libro è identico al primo: la lettura finisce troppo presto, e quasi fosse una droga mefistofelica che ci ha resi dipendenti, si avverte l’irruento bisogno di passare ai volumi successivi. Unica consolazione è sapere che l’editore sta già impegnandosi per completare l’opera, e ciò non può che renderci felici».
Scenaillustrata.com

Il Manifesto; Gli angoli bui del mondo di Andrea Comincini, 14/04/2016
Il Sole 24 Ore; L’Ulisse in versione scozzese di Renzo S. Crivelli, 1/05/2016
Ultimavoce.it; Il capolavoro che non hai mai sentito nominare di Alessandro Benassi, 28/08/2016
Scenaillustrata.com; Alla ricerca della vita dentro la vita di Andrea Comincini, 1/10/2016