safaraeditore

Parole in Bottiglia 2016
Prima edizione

Concorso Instagram – Storie d’istanti

«Parole in bottiglia» nasce da una storia che ha radici lontane: un messaggio dentro una bottiglia, affidato alle onde del mare, con la speranza che una mano sconosciuta lo raccolga e se ne faccia testimone.

Così, nel settembre 2016, Pordenone è stata disseminata di oltre cinquemila bottiglie, ognuna contenente un brano tratto dal libro «Si può ancora fare», storie dei soci della Coop
Noncello raccolte e raccontate dal regista teatrale Ferruccio Merisi (L’Arlecchino Errante), presentato nell’ambito dell’edizione 2016 di PordenoneLegge.

Safarà Editore, che con i suoi libri obliqui ha già esplorato una letteratura dell’imprevisto e dello sperimentale, con lo stesso spirito d’avventura, ha voluto celebrare queste storie di vita ai margini, dando loro una nuova centralità.

Perché ognuno di noi, nella vita, è stato un naufrago in cerca di approdo.
Ognuno di noi ha lanciato un messaggio nell’attesa che qualcuno lo cogliesse.
Ognuno di noi ha avuto bisogno di essere salvato.

L’ha fatto coinvolgendo il pubblico con un concorso Instagram, Parole in bottiglia – Storie d’istanti.
Chiunque avesse trovato una bottiglia, era stato invitato a raccontare una storia a sua volta, fissandola in un’immagine e condividendola su Instagram con l’hashtag #paroleinbottiglia.

Il concorso ha visto una larga partecipazione di pubblico, confermando ancora una volta la sensibilità di Pordenone e dei suoi cittadini sul tema dell’inclusione sociale e della condivisione culturale.
Puoi trovare tutte le foto che hanno partecipato sulla pagina Facebook di Parole in Bottiglia.

sposor_1200x400